Pubblicità

Stefania Zambrano anima di un progetto cinematografico

Un nuovo ed interessante progetto vede come ideatrice Stefania Zambrano, l’organizzatrice di Miss Trans
Europa, volto di vari eventi della comunità LGBTQ+. Attualmente, è infatti la produttrice del docufilm La
Cultura Non È Camorra. Dallo scorso 18 aprile, Stefania è impegnata sul set per dare vita a diverse scene
per dare un tocco in più ai racconti e far vedere quello che realmente succede a Napoli. E, ovviamente, al
centro del racconto non poteva mancare la sua comunità, quella dei transessuali, anche loro vittime della
camorra, proprio come indicano i media, attraverso la prostituzione.
Il documentario, pieno di momenti dolorosi ed emozionanti, ha come obiettivo principale quello di
trasmettere alla nuova generazione ciò che succede, al fine di sensibilizzarla. Stefania Zambrano ha deciso,
infatti, di parlare di una tematica molto forte, e sicuramente difficile da raccontare, per far comprendere ai
giovani che la camorra non è cultura.
Sul set, Stefania ha voluto fortemente le sue Miss: in primis la vincitrice di Miss trans Europa 2023 Raffaela
Di Andrea, Miss TX Italia 2024 Magda Mara De Martino e, per chiudere, la Miss di tutte le Miss del mondo
Sara Finizio. Tutte e tre interpreteranno un ruolo molto importante.
“Per me è la prima volta che tocco questa tematica per dare vita ad un progetto del genere. Progetto che è
in fase di studio già da qualche anno. Adesso mi sono decisa a metterlo in atto per cercare di fare un buon
lavoro”
sono state le parole della Zambrano, che ha come mission quello di portare il film nelle sale almeno per
qualche giorno.

a cura della redazione

UNIQUE M&C. Agency